Come scegliere il giusto tagliacapelli

Acquistare il tagliacapelli più adatto alle nostre esigenze non sempre è così facile come si crede. Capita molto spesso che le persone si buttino sull’acquisto dei modelli più economici che ci sono in commercio, senza fare attenzione ad alcuni particolari che in un tagliacapelli fanno davvero la differenza.
Quindi prima di comprare un tagliacapelli sarebbe opportuno seguire questi semplici consigli, così da non rimanere insoddisfatti del prodotto scelto.

Prima dell’acquisto

Innanzi tutto, la cosa migliore da fare prima dell’acquisto di un tagliacapelli è quella di leggere bene cosa possiamo trovare nella confezione del prodotto. Ci sono confezioni di tagliacapelli che all’interno hanno tutta una serie di pettinini per i vari tagli da fare: c’è quello da 3mm, quello da 9mm, da 12mm e così via. Altri modelli sono forniti sia di pettinini che di forbici, o almeno dovrebbero averne uno dei due altrimenti il tagliacapelli è quasi inutile. Questi accessori sono indispensabili per avere un taglio sempre preciso e curato, proprio come piace a noi.

Clicca sui prodotti per leggere la recensione

Tagliacapelli o Regolabarba?

In commercio ormai si trovano moltissimi modelli che funzionano sia da tagliacapelli che da regolabarba. Ad esempio modelli come il Panasonic ER2171S503 oppure il TN5030 di Rowenta hanno 3 funzioni principali: regolatori per la barba, per i capelli ed anche per tutto il resto del corpo. La differenza tra questi ed un vero e proprio tagliacapelli come il Philips QC5130/15 sta nel fatto che bisogna fare attenzione a che la manutenzione sia continua ed inoltre molto spesso non rasano i capelli completamente.

Attenzione all’autonomia

Quando si acquista un tagliacapelli bisogna fare attenzione alla qualità delle batterie. Solitamente quelli con il cavo hanno batterie ricaricabili a litio, come quelle dei telefonini, e la loro durata media senza filo dovrebbe essere di almeno 40 minuti. Attenzione però a non prendere fregature con tagliacapelli che funzionano solo attaccati al cavo!

I materiali migliori

Oltre alla valutazione delle funzionalità e delle batterie, quando si compra un tagliacapelli è necessario fare attenzione al tipo di materiale di cui sono fatte le lame. Esistono infatti lame sia in acciaio inox, sia in titanio e sia in ceramica.
Tutti e tre i materiali, in realtà, hanno le loro caratteristiche positive e negative, ma questo dipende anche dal modello stesso di tagliacapelli. Per non prendere fregature è sempre meglio dare un’occhiata a qualche recensione sul prodotto che state acquistando.

Altre caratteristiche da non sottovalutare

Altri accessori importanti per un tagliacapelli sono la base e l’astuccio da viaggio. Questi due accessori sono davvero molto utili e pratici perché in questo modo potrete tenere il tagliacapelli sempre in ordine e lontano da fonti batteriche o superfici sporche che potrebbero rovinarlo. E poi sono due oggetti indispensabili soprattutto perché ti permettono di portare il tagliacapelli anche quando fai un viaggio.
Inoltre, prima di comprare un tagliacapelli è necessario valutare le caratteristiche stesse del prodotto. Un buon modello è bene che non sia pesante, che abbia un manico antiscivolo, delle buone lame ed una forma comoda per facilitare il taglio stesso e magari che si possa utilizzare anche sotto la doccia.

 

Clicca sui prodotti per leggere la recensione

Commenti (2)

  • Antonio

    |

    Salve,
    stanco di andar ogni 15 gg dal barbiere per una semplice rasata, sono a chiedervi consiglio per l’acquisto del mio prima tagliacapelli, che userò da solo.
    Considerato che normalmente raso in maniera uniforme a 1-2 mm, quale potrebbe essere un buon acquisto? Guardandomi attorno mi sarei orientato su due modelli: remington hc8510 e babyliss e955e. Ma sono interessato a sentire il vostro consiglio.
    Grazie infinite!!

    Rispondi

    • Klaus

      |

      un buon consiglio per 1-2 mm è prenderti un rasoio di sicurezza vecchia maniera e pelarti la testa con le lamette sotto la doccia, dicamo che magari vai da 0 ad 1, ma quindi raddoppi la durata

      Rispondi

Lascia un commento